Quanto sono gravi i problemi economici della Cina?

Image caption I numeri ufficiali della disoccupazione sono vicini ai massimi storici – e la cifra reale è probabilmente ancora più alta

Mentre gli economisti dicono che i dati economici della Cina non sono sempre affidabili, ora hanno un nuovo dilemma – non ci sono dati.

Questo è senza precedenti – il governo cinese non ha mai fatto questo da quando ha iniziato a pubblicare tali obiettivi nel 1990.

L’abbandono dell’obiettivo di crescita è un riconoscimento di quanto sarà difficile la ripresa in Cina nell’era post pandemia.

E mentre i dati recenti hanno mostrato che la Cina è sulla via d’uscita dal suo rallentamento: è una ripresa irregolare.

Prima, le buone notizie.

Per la prima volta da quando la pandemia ha colpito la Cina – le fabbriche stanno producendo di nuovo beni.

La produzione industriale in aprile è cresciuta di un migliore del previsto 3,9% – una netta differenza dal crollo del 13,5% nei primi due mesi di quest’anno, quando sono stati imposti massicci blocchi.

C’è anche una serie di altri dati che sono stati sorprendentemente forti – puntando a quello che gli economisti amano chiamare una ripresa a forma di V – un brusco, drastico calo iniziale – seguito da un rapido rimbalzo dell’attività economica.

  • L’economia cinese si contrae per la prima volta in decenni
  • BBC News – Domande globali, crisi del Coronavirus – Cina
  • Perché l’economia cinese è importante per voi – – BBC News

Il consumo di carbone da parte di sei grandi generatori di energia è tornato ai livelli storici dopo le vacanze della “Golden week” di maggio, secondo la banca di investimenti JP Morgan. Attualmente si trova l’1,5% sopra la media storica, suggerendo che la domanda di energia è tornata alla normalità.

E i cieli cinesi senza inquinamento che abbiamo visto all’indomani delle serrate – beh, sono scomparsi con la ripresa dell’attività economica.

I livelli di inquinamento atmosferico della Cina hanno recentemente superato le concentrazioni dello stesso periodo dell’anno scorso per la prima volta dall’inizio della crisi del coronavirus, spinti dalle emissioni industriali.

Tutto questo dimostra che la Cina sta lentamente tornando al lavoro.

Ma non è business come al solito, e questo mostra quanto sarà difficile per il resto di noi far ripartire le nostre economie.

I recenti dati sulle vendite al dettaglio mostrano quanto sia difficile far entrare la gente nei negozi e comprare cose.

Le vendite sono scese del 7,5% in aprile – meglio di marzo – ma neanche lontanamente dove devono essere perché l’economia funzioni a pieno ritmo. Molti cinesi sono ancora preoccupati per una seconda ondata di infezione, e non stanno spendendo così tanto come prima.

Non c’è da meravigliarsi che la Cina abbia abbandonato il suo obiettivo di crescita quest’anno – il governo sa che sarà difficile prevedere quanto profonda sia diventata questa crisi.

L’aumento della disoccupazione

Complicando tutto questo – sono le cifre della disoccupazione – che ufficialmente sono arrivate in aprile leggermente più alte di marzo, al 6%, avvicinandosi ai massimi storici.

Ma la maggior parte degli economisti dicono che il numero reale è molto peggio.

Il “vero livello di disoccupazione è probabilmente il doppio”, dato che circa un quinto dei lavoratori migranti non è tornato nelle città, dice il think tank Capital Economics.

Anche l’agguerrito portavoce comunista cinese, il Global Times – tipicamente il più grande cheerleader dell’economia cinese – ha sottolineato quanto sia terribile il quadro dell’occupazione.

Dice che quest’anno “sarà quasi impossibile per i dipendenti cinesi del settore privato guadagnare lo stesso stipendio che hanno avuto nel 2019”, poiché le piccole imprese hanno dovuto licenziare i dipendenti o tagliare il personale.

Sarà peggio prima di migliorare.

Circa l’85% delle imprese private lotterà per sopravvivere nei prossimi tre mesi, scrive il Prof Justin Yifu Lin dell’Università di Pechino, citando un sondaggio della Tsinghua University di marzo.

“Il fallimento delle imprese porterà ad un aumento della disoccupazione”, aggiunge.

Didascalia immagine Il 2020 doveva essere l’anno in cui la Cina avrebbe eliminato la povertà assoluta

Concesso, molti cinesi sono impiegati nelle imprese statali, e il sistema economico cinese è in grado di assorbire le file dei disoccupati meglio degli Stati Uniti.

I cinesi hanno più risparmi, un migliore supporto familiare, e molti lavoratori migranti hanno anche della terra a casa su cui possono contare per le esigenze di base e anche per il sostentamento nelle circostanze peggiori.

“Vedrete una grande transizione dei lavoratori migranti che tornano ai loro villaggi dove hanno il loro pezzo di terra”, mi dice Wang Huiyao del Centro per la Cina e la globalizzazione.

“Sì, ci saranno alcune difficoltà, ma le persone al di fuori della Cina probabilmente non capiscono come noi vediamo le difficoltà e le difficoltà – che i cinesi hanno sperimentato non molto tempo fa quando la Cina era molto povera. “

Image caption L’attuale ambiente economico è il più impegnativo che la Cina abbia affrontato negli ultimi anni

Questa volta è diverso

Il partito comunista ha sempre indicato un obiettivo di crescita da raggiungere come un modo per segnalare quanto bene stia facendo la Cina.

Ma chiaramente questa volta è diverso: nessun obiettivo – quindi non c’è modo di evitare il fatto che l’attuale ambiente economico è il più impegnativo che la Cina abbia affrontato negli ultimi anni.

Indubbiamente, la Cina ha già attraversato periodi economici difficili – gli anni ’90, per esempio, hanno visto un gran numero di persone licenziate.

L’economia a quel tempo era dominata dalle imprese statali, che fornivano lavoro alla maggior parte della popolazione attiva.

Quando l’economia rallentò, si liberarono di milioni di lavoratori – e la disoccupazione aumentò rapidamente, di un punto percentuale ogni anno secondo il National Bureau of Economic Research.

Le imprese statali sono passate dall’impiegare il 60% della popolazione attiva nel 1995 al 30% nel 2002.

Ma la Cina si è ripresa, e il settore privato è intervenuto per assumere i giovani.

Image caption I lavoratori cinesi possono lavorare di nuovo, ma “il resto del mondo è in una depressione economica”, dice George Magnus

Questa volta, è diverso e anche il settore privato è sotto pressione, dice l’economista George Magnus, associato al China Centre, Oxford University. “Nessuno parlava di guerre commerciali in quel periodo. La grande delocalizzazione della produzione verso la Cina era in corso”.

“Ora, il resto del mondo è un funk economico – quindi non c’è domanda dei consumatori, e niente in termini di commercio estero. Tutti i venti contrari che la Cina stava affrontando prima della pandemia sono stati aggravati dal coronavirus.”

“Sogno cinese” sotto pressione

Negli ultimi 40 anni, il partito comunista cinese è stato in grado di promettere un semplice contratto ai suoi cittadini: manterremo la vostra qualità di vita migliorata e vi metterete in riga in modo che possiamo mantenere la Cina sulla strada giusta.

È il contratto sociale che il leader cinese Xi Jinping ha cristallizzato come “sogno cinese” quando lo ha annunciato nel 2012.

Image caption La crisi del Covid-19 è diventata una grande minaccia per la stabilità sociale del paese

2020 doveva essere una parte fondamentale di quel grande piano – l’anno in cui la Cina avrebbe eliminato la povertà assoluta, aumentando la qualità e lo standard di vita per milioni di persone.

Ma il coronavirus potrebbe mettere a rischio quel contratto sociale.

Più di ogni altra crisi economica nella storia del partito comunista cinese, questa crisi sanitaria è diventata una grande minaccia per la stabilità sociale del paese.

Milioni di giovani potrebbero non avere la garanzia dello stesso grado di successo che la generazione dei loro genitori ha visto. Mantenere quel contratto di ricchezza, occupazione e stabilità è la chiave per la legittimità del partito comunista cinese.

Questo è il motivo per cui la ripresa economica per la Cina è così critica – e non avere un obiettivo di crescita dà al governo la flessibilità necessaria per elaborare un piano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.