Mantieni la calma! Come fermare i tracolli sul nascere

Tante cose da fare. Una seccatura dopo l’altra. Delusioni inaspettate. Un “servizio clienti” che non fornisce alcun servizio.

Piccole seccature quotidiane possono portare ad emozioni negative difficili da gestire. La tensione si accumula, e la prossima cosa che sai… MELTDOWN!

Per alcuni, un meltdown significa scoppiare in lacrime. Per altri,

articolo continua dopo la pubblicità
Fonte: Immagine di Chirod Rathod, CC 2.0, commons. Wikimedia.org

è un’espressione di rabbia fuori controllo. Per altri ancora, è essere un idiota sarcastico. In ogni caso, non è piacevole rendersi conto di aver appena avuto uno scatto d’ira da adulti.

Per prevenire i crolli per le frustrazioni quotidiane, prova le 12 strategie qui sotto. (Nota: se hai seri problemi di rabbia o problemi psicologici correlati, questa è un’altra storia. Vedi un terapista per un aiuto.)

Prevenire i tracolli prima che inizino

Modificare il tuo atteggiamento e prepararti prima delle situazioni difficili può spesso essere sufficiente per prevenire i tracolli. Prova le tre tattiche seguenti:

1. Identificare le situazioni che scatenano i crolli e fare un piano.

Conoscere se stessi e le proprie debolezze può spesso aiutarvi a evitare situazioni frustranti prima che si verifichino. Per esempio, so che un mio punto debole è l’affrontare la tecnologia. Odio ammettere quante volte sono stato scortese o eccessivamente esigente in queste situazioni. Ora, quando porto il mio computer in riparazione, faccio una lista di preoccupazioni e domande e mi ricordo anche di essere educato e rispettoso con i tecnici. La stessa tecnica può funzionare nell’ufficio del medico o prima di un colloquio con un’altra persona. Ricorda a te stesso il tuo obiettivo: non è quello di farneticare; è quello di risolvere un problema specifico.

A un livello più profondo, chiediti perché lasci che le piccole cose ti buttino giù così spesso. La risposta potrebbe risiedere in un inappropriato senso di diritto – che sei speciale e che queste cose non dovrebbero accadere a te. O forse hai la convinzione che la vita dovrebbe filare sempre liscia. Sfida queste convinzioni!

l’articolo continua dopo la pubblicità

2. Capire perché le seccature quotidiane sono così fastidiose.

Non sei solo tu. C’è una buona ragione per cui molte persone perdono la loro compostezza di fronte a piccoli irritanti.

Nel suo libro The Stress-Proof Brain, l’esperta di stress Melanie Greenberg spiega perché i fattori di stress quotidiano possono a volte essere più tossici dei grandi eventi della vita. Secondo la Greenberg, le seccature quotidiane erodono la vostra tranquillità perché si verificano frequentemente e si accumulano così rapidamente che potrebbe non esserci il tempo di recuperare da uno qualsiasi di essi. Dato che potresti essere già esausto per aver affrontato un evento più serio, il nuovo fattore di stress, per quanto piccolo, ti sembra l’ultima goccia.

3. Impara a conoscere i tuoi segnali di stress unici.

Impara dai tuoi precedenti crolli. Quali sono i primi indizi che stai per perdere il controllo? Ci sono segni fisici – battito cardiaco accelerato o respirazione accelerata, per esempio? Ci sono segni emotivi, come il parlare di sé sugli altri, arrabbiato e giudicante, forse? Se è così, riconoscete queste bandiere rosse e usate le strategie qui sotto.

Nella situazione

Quindi, diciamo che senti che potresti essere uscito dai binari e hai bisogno di controllarti. Ecco come tornare in pista:

4. Rivalutare.

Dici a te stesso che questa piccola situazione è una sfida, non un problema.

5. Sii realistico.

La frustrazione è la sensazione che si prova quando ti viene impedito di raggiungere i tuoi obiettivi. L’antidoto: Realismo. Regolate le vostre aspettative per il giorno in cui avrete un guasto alla tecnologia, vostro figlio si ammala, o si verifica un evento imprevisto.

articolo continua dopo la pubblicità

6. Fate respiri profondi.

Se ti accorgi che la tua risposta allo stress sta salendo, prendi la decisione di fare dei respiri profondi per rallentare la tua respirazione. Questa stessa decisione vi aiuterà a ridurre il vostro stress e a mantenere il controllo.

7. Chiedete assertivamente ciò di cui avete bisogno all’altra persona.

Hai rivisto le tue stesse debolezze in #2 sopra. Se appropriato, chiedete direttamente ciò di cui avete bisogno. Per esempio: “Non sono bravo nelle cose tecniche. Potresti insegnarmi come affrontare questo problema in futuro?” Usare le abilità di assertività vi aiuterà a parlare per voi stessi rispettando l’altra persona.

8. Avere in mente alcuni mantra utili.

Per un modo veloce di riorientare il tuo pensiero, usa un mantra. Crea il tuo o ripeti uno di questi semplici detti tutte le volte che è necessario:

  • Non preoccuparti delle piccole cose.
  • Solverò questo problema, in un modo o nell’altro.
  • Posso gestire la cosa.
  • Possiamo risolverla.
  • Le cose richiedono solo tempo.

9. HALT!

“HALT” è un acronimo per “Non lasciarti mai troppo affamato, troppo arrabbiato, troppo solo o troppo stanco”, un motto della tradizione dei 12 passi. Se hai bisogno di HALT, parla con un amico, mangia qualcosa, o trova un modo per ottenere un po’ di R & R. Ricordati che fare delle pause ti renderà effettivamente più produttivo nel lungo periodo, come descritto in questo blog.

articolo continua dopo la pubblicità

10. Tranquillizzati con l’auto-parlato gentile.

Quando le tue emozioni stanno andando fuori controllo, prova un po’ di auto-compassione.Dì a te stesso, per esempio: “Sì, questo è difficile, ma ci vorrà solo un po’ più di tempo. Tieni duro”. “Stai andando bene. Continua ad andare avanti”. “Stai facendo il meglio che puoi”

11. Empatizzare con l’altro. Se un’interazione è difficile per te, probabilmente è difficile anche per l’altra persona. Trattala con rispetto e dalle un po’ di empatia. Esempio: “Deve essere noioso dover spiegare la stessa cosa più e più volte.”

Quando tutto il resto fallisce

12. Chiedi scusa.

Parliamoci chiaro, non si può essere perfetti e a volte ci si comporta da idioti. Quando succede, chiedi scusa! Per un venditore, un semplice “Mi dispiace di aver perso le staffe” sarà sufficiente. Per gli altri significativi, compresi i coniugi e i colleghi, una buona scusa deve essere sentita e fornire una guarigione per l’altra persona. Per sapere come fare, consultate i nostri esperti di PT, Guy Winch qui e Harriet Lerner qui.

Il messaggio da portare a casa

A meno che non siate un santo o un saggio, avrete delle crisi di tanto in tanto. Previeni, affronta meglio, o impara a scusarti quando hai maltrattato qualcuno. Alla fine, crescerai una “miccia” più lunga e sentirai l’orgoglio duramente conquistato di poter rimanere calmo, fresco e raccolto in mezzo alla maggior parte delle fionde e delle frecce della vita quotidiana.

© Meg Selig, 2017

Se ti è piaciuto questo blog, potresti voler leggere questi blog correlati:

Selig, M. “How Do Work Breaks Help You? 5 risposte sorprendenti”

Winch, G. “I cinque ingredienti di una scusa efficace”

Lerner. H. “The Nine Rules for True Apologies”

Greenberg, M. “Find Relief from the Stress of Life’s Daily Hassles”

Selig, M. “The Assertiveness Habit”

Per altri blog di Meg Selig, scorri in fondo a questa pagina. Per altri spunti su salute, felicità e abitudini, seguitemi su Facebook, Twitter o LinkedIn scorrendo fino alla mia foto e cliccando sull’icona appropriata. Grazie per il vostro interesse nel blog Changepower!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.