Alcol e Keppra è una combinazione sicura

Utilizzare farmaci anticonvulsivanti come il Keppra mentre si beve alcol può esacerbare gli effetti collaterali del farmaco.

Keppra (levetiracetam) è progettato per trattare gli individui che sono diagnosticati con un disturbo convulsivo come l’epilessia.

Gli anticonvulsivanti o farmaci antiepilettici sono comunemente presi in forma di pillola o liquido, e richiedono una prescrizione da un medico anche se non sono formalmente designati come sostanze controllate dalla U.S. Drug Enforcement Administration. Questo perché non hanno un potenziale significativo per l’abuso e non sono farmaci in cui lo sviluppo di dipendenza fisica è una preoccupazione.

MECCANISMO D’AZIONE

Il meccanismo d’azione del Keppra non è completamente compreso.

I farmaci anticonvulsivanti sono progettati per ridurre l’attività incontrollata dei neuroni nel cervello, poiché questo porta all’attività convulsiva.

Riducendo l’attività di questi neuroni, i farmaci anticonvulsivanti come Keppra possono essere efficaci nel controllo dell’attività convulsiva in individui a cui sono stati diagnosticati diversi tipi di epilessia.

Si ritiene che il farmaco inibisca il rilascio di calcio nei neuroni. Il rilascio di calcio aumenta l’eccitabilità dei neuroni nel sistema nervoso centrale. Questo si traduce in una riduzione dei tassi di accensione e la riduzione delle crisi.

BERE ALCOOL CON KEPPRA

Gli individui che prendono Keppra insieme a bere alcolici corrono il rischio di aumentare il potenziale di sviluppare molti degli effetti collaterali elencati sopra, compresi i problemi con sbalzi d’umore e potenziale suicidalità. Ci può essere un aumento del rischio di problemi al fegato e ai reni quando l’alcol è cronicamente combinato con Keppra.

Livelli più alti di uso di alcol molto probabilmente risulteranno in un aumento di sbalzi d’umore, depressione e potenziale suicidalità oltre a interferire con la coordinazione motoria.

Le istruzioni sulla bottiglia del farmaco avvertono fortemente di non bere alcol quando si prende il farmaco. Gli individui con disturbi convulsivi come l’epilessia non dovrebbero bere alcolici comunque.

L’alcol esacerba le crisi e aumenta le disfunzioni legate ai disturbi convulsivi.

PROFILO DEGLI EFFETTI LATERALI

Gli effetti collaterali si presentano in alcuni individui che usano Keppra. Anche se gli effetti collaterali associati a qualsiasi farmaco sono possibili, gli individui che usano Keppra secondo le istruzioni del loro medico saranno in genere in grado di tollerare la maggior parte degli effetti collaterali che possono sperimentare.

Gli effetti collaterali più comuni che si verificano a seguito dell’utilizzo di Keppra includono:

  • Lieve sedazione, letargia e sonnolenza
  • Diminuzione di energia e perdita di appetito
  • Difficoltà di coordinazione motoria
  • Vertigini o mal di testa
  • Sbalzi d’umore in alcuni individui

Alcune persone sviluppano effetti collaterali più gravi che devono essere trattati da un medico. Alcuni di questi effetti collaterali possono includere:

  • Irritabilità, agitazione e persino aggressività
  • Problemi con cambiamenti estremi dell’umore che possono includere apatia o depressione
  • Un aumento dei pensieri suicidi
  • Comportamenti psicotici (allucinazioni e/o comportamenti deliranti)

Chiunque sperimenta uno di questi effetti collaterali più rari dovrebbe contattare il proprio medico.

Ci sono altri effetti collaterali molto rari che sono stati riportati, come:

Difficoltà cognitive

Alcune persone che usano Keppra riportano difficoltà cognitive come risultato dell’assunzione del farmaco. Queste difficoltà possono includere esacerbazioni di vertigini che possono influenzare la capacità di concentrazione, problemi con la vigilanza mentale che riducono la capacità di pensare chiaramente, e problemi con la memoria.

Sentirsi come intossicati

Alcune persone riferiscono che il farmaco li fa sentire come se fossero ubriachi di alcol. Se la persona smette di usare Keppra, i sintomi in genere si risolvono, ma c’è il rischio di rivivere le crisi. L’uso di integratori vitaminici, in particolare di vitamina B6, può aiutare a risolvere questo problema.

Irritazione della pelle

Sono noti disturbi della pelle nelle persone che usano Keppra, ma questi effetti collaterali sono poco frequenti. Coloro che sviluppano gravi problemi con la loro pelle a causa dell’uso di farmaci anticonvulsivanti spesso hanno bisogno di provare molti farmaci diversi per controllare le loro crisi prima che possano trovare un rimedio che si adatta alle loro esigenze.

Pronto per ottenere aiuto?

Siamo qui 24/7. Rispondi al telefono.

ABUSO DI KEPPRA

I farmaci classificati come antiepilettici o anticonvulsivanti non sono farmaci significativi di abuso.

Le benzodiazepine sono anche usate nel trattamento delle crisi, e questi farmaci sono potenziali farmaci di abuso; tuttavia, Keppra non è una benzodiazepina. Non è un farmaco che è molto ricercato per i suoi effetti psicoattivi, ma ci sono alcuni rapporti aneddotici di individui che abusano di farmaci anticonvulsivanti per ottenere effetti simili a quelli sedativi.

Molto spesso, gli individui che abusano di farmaci anticonvulsivanti li usano insieme ad altre droghe d’abuso, come l’alcool.

L’abuso è più probabile in persone con disturbi psicologici

C’è un tasso più alto di abuso di droga in persone a cui sono stati diagnosticati disturbi psicologici. Le persone con diagnosi di epilessia hanno una percentuale più alta di malattie mentali e disfunzioni cognitive rispetto a quelle senza epilessia.

Questo può aumentare il rischio di abuso di sostanze in questo gruppo. Può anche portare alla pratica di combinare gli anticonvulsivi con le droghe d’abuso.

DISORDINI SEZIALI E ABUSO DI SOSTANZE

Ci sono anche alcune informazioni che suggeriscono che gli individui con disturbi convulsivi non trattati possono essere ad un rischio maggiore di sviluppare problemi di abuso di sostanze, in particolare disturbi da uso di alcol.

Questo può essere dovuto ai tentativi di questi individui di automedicazione per affrontare i problemi psicologici associati che sperimentano, come la depressione, i problemi di funzionamento sociale, i problemi di isolamento sociale e altri fattori.

Quando queste persone iniziano a usare anticonvulsivi per trattare il loro disturbo convulsivo, possono continuare a impegnarsi nell’abuso di alcol.

KEPPRA PER L’ABUSO DI ALCOOL

I farmaci anticonvulsivanti come Keppra sono stati suggeriti come potenziali farmaci nel trattamento di individui che hanno disturbi da uso di alcol.

Ci sono stati diversi studi controllati per determinare l’efficacia di Keppra nel ridurre l’uso di alcol rispetto al placebo.

Gli studi non hanno generalmente trovato alcun beneficio nell’uso di Keppra nel trattamento del disturbo da uso di alcol.

Almeno uno studio ha suggerito che Keppra può aumentare il consumo di alcol in individui con problemi di abuso di alcol.

C’È UN MODO SICURO DI COMBINARE IL KEPPRA CON L’ALCOL?

Qualora le istruzioni generali dei farmaci da prescrizione dichiarino specificamente che l’alcol non deve essere usato insieme al farmaco, si dovrebbe automaticamente presumere che non esiste un modo sicuro di combinare l’alcol con esso.

Quindi, non esiste una dose sicura di alcol che sia accettabile quando si usa Keppra per controllare le crisi.

(2018). Keppra. UCB. Retrieved February 2019 from https://www.keppraxr.com/utilities/keppra-isi

(November 2012). Una sintesi alternativa di Levetiracetam enantiomericamente puro (Keppra®). Tetraedro: Asimmetria. Recuperato febbraio 2019 da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0957416612005162

(2009). KEPPRA® (levetiracetam) solo Rx. UCB. Retrieved February 2019 from https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2009/021035s078s080,021505s021s024lbl.pdf

(settembre 2015). La piridossina controlla i sintomi comportamentali nei pazienti adulti trattati con levetiracetam? Serie di casi dagli Emirati Arabi. Epilessia & Behavior Case Reports. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4588452/

(agosto 2018). Aumento del rischio di ricovero in ospedale per disturbi dell’umore dopo il ricovero per epilessia. Neurology. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30068636

(agosto 2012). Efficacia e sicurezza del Levetiracetam per la prevenzione della ricaduta nell’alcol in pazienti alcoldipendenti recentemente disintossicati: Uno studio randomizzato. Giornale di psicofarmacologia clinica. Retrieved February 2019 from https://journals.lww.com/psychopharmacology/Abstract/2012/08000/Efficacy_and_Safety_of_Levetiracetam_for_the.18.aspx

(August 2012). Uno studio in doppio cieco, controllato con placebo che valuta l’efficacia del levetiracetam a rilascio prolungato in pazienti alcoldipendenti che bevono molto pesantemente. Alcolismo: Clinical and Experimental Research, Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3355217/

(aprile 2012). L’anticonvulsivante levetiracetam potenzia il consumo di alcol nei non-trattanti in cerca di abuso di alcol. Giornale di psicofarmacologia clinica. Recuperato febbraio 2019 da https://journals.lww.com/psychopharmacology/Abstract/2012/04000/The_Anticonvulsant_Levetiracetam_Potentiates.17.aspx

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.